Cronaca

Un "trucco" che cambia la vita, Gessica vola ai campionati nazionali

Una passione che è diventata una professione: Gessica Bonetalli sfida i migliori del trucco permanente. La gara a Roma il 3 e 4 ottobre

Un "trucco" che cambia la vita, Gessica vola ai campionati nazionali
Cronaca 28 Settembre 2017 ore 22:45

Quella per il trucco permanente è nata come una passione inaspettata per la giovane caravaggina Gessica Bonetalli, che è stata selezionata per partecipare a "Sking": il primo campionato nazionale di trucco permanente che si terrà a Roma il 3 e il 4 ottobre.

Gli inizi

E' un sogno che si sta concretizzando passo dopo passo quello di Gessica, che senza nascondere l'emozione lo ha definito come un "regalo inaspettato da parte della vita". Sì, perché la storia di Gessica nel settore della dermopigmentazione è iniziato nel 2004, con un corso di due giorni sulla tecnica del trucco permanente. Un cammino che nonostante l'avesse appassionata fin da subito si era interrotto nel 2009, per mancanza degli stimoli giusti e per l'arrivo dei due amati figli. Poi, la svolta. "Ho conosciuto un insegnante, molto bravo che mi ha trasmesso fiducia in me e nelle mie capacità, facendomi da guida in un percorso che mai avrei immaginato sarebbe potuto arrivare all'insegnamento e alla gestione di uno studio tutto mio, che a breve aprirò a Treviglio". Ma le soddisfazioni non sono finite qui per Gessica. Il proprio talento, mostrato in una severa selezione, l'ha portata ad essere scelta per gareggiare alla prima competizione tra dermopigmentisti di livello nazionale.

La gara

Gessica, che ora insegna per l'Accademia "Orsini & Belfatto", è ormai pronta per partire verso Roma, dove gareggerà contro le altre dermopigmentiste più talentuose d'Italia. "La competizione prevede due categorie di gara: una sezione dedicata ai talenti e una per i docenti, di cui farò parte anch'io. La concorrenza sarà preparatissima e ce la metterò tutta - ha spiegato Gessica - ma l'essere stata selezionata per partecipare a una gara di questo livello rappresenta già una vittoria, e a prescindere dal risultato che otterrò sarò felice di essermi messa in gioco, dando tutta me stessa".

Cosa c'è oltre il trucco

Molte volte si è portati a pensare al trucco come a un vezzo, a qualcosa di superficiale e non strettamente necessario. Ma il trucco può rivelare dei veri e propri aspetti terapeutici, capaci di donare dei benefici al nostro sistema psico-fisico. "Gli occhi rivestono da sempre un fascino particolare per me - ha spiegato Gessica - rappresentano lo cornice dell'anima e trovo che lo sguardo sia in grado di comunicare le nostre emozioni persino più di molte parole, comunicando agli altri chi siamo. Anche per questo mi dà tanta soddisfazione lavorare con la dermopigmentazione su pazienti affetti da alopecia o che hanno subito terapie per la lotta contro un tumore. Ricostruendo loro le sopracciglia o l'aureola mammaria tramite la mastopessi sulle donne che hanno subito interventi al seno, in qualche modo contribuisco a riconquistare se stessi e la propria vita, partendo dalla cura del proprio corpo".