Calolziocorte

Trova un ghiro, lo porta a casa e lo intossica a morte con l'antipulci per cani e gatti

La denuncia del Centro recupero animali selvatici. La fauna selvatica non va prelevata per nessun motivo, tantomeno in modalità "fai da te"

Trova un ghiro, lo porta a casa e lo intossica a morte con l'antipulci per cani e gatti
Attualità Treviglio città, 28 Agosto 2021 ore 13:36

Si porta a casa un ghiro,  lo cosparge con un noto antipulci per cani e gatti e il cucciolo muore intossicato. Suscitando la rabbia del Centro recupero animali selvatici di Calolziocorte, dove il poco furbo cittadino aveva cercato di correre ai ripari.

La denuncia del Cras Stella del Nord.

"Ucciso dalla stupidità dell'uomo". E' una denuncia feroce quella che, come riporta PrimaLecco.it, hanno avanzato i volontari del CRAS la Stella del Nord, gestito dalla  LE.I.D.A.A.  (La Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente fondata dall'onorevole Michela Vittoria Brambilla.

 

Cucciolo morto, "Ucciso dalla stupidità dell'uomo"

Il cucciolo era stato portato nel centro dove gli  operatori si prendono  cura di animali in difficoltà e diffondono una cultura del rispetto dei diritti della fauna selvatica quando ormai era troppo tardi. Tutto è successo mercoledì 25 agosto 2021.

"Questo cucciolo si è imbattuto in un individuo che non solo se ne è appropriato, ignorando che la fauna selvatica è proprietà dello Stato e non si può possedere, ma poi ha pensato di coprirlo di FrontLine perché aveva le pulci, senza avere il buon senso di chiedere prima ad un veterinario".

La sostanza purtroppo  non ha lasciato scampo all'animale. "Un altro saputello arrogante, campione del fai da te! Ma questo prodotto è indicato solo per cani e gatti, per gli altri animali è veleno - spiegano dal Cras -  Così il povero ghiro  è morto intossicato, tra atroci sofferenze. E noi non abbiamo potuto fare nulla perché è arrivato oramai in coma".