Menu
Cerca
Romano

Tanti auguri Lucia, cent’anni e una vita da albergatrice

Oggi Lucia Dehò spegne cento candeline, insieme al marito ha gestito lo storico albergo di Romano “I Tre re”.

Tanti auguri Lucia, cent’anni e una vita da albergatrice
Attualità Romanese, 16 Maggio 2021 ore 11:51

Tanti auguri a Lucia Dehò, che oggi - domenica 16 maggio - a Romano di Lombardia spegne cento candeline. Insieme al marito ha gestito per anni lo storico albergo di Romano “I Tre re”, nel centro della cittadina.

I cent’anni di Lucia Dehò

Taglia oggi il traguardo del secolo di vita  Lucia Dehò, che è nata il 16 maggio del 1921. Un traguardo importante e che verrà festeggiato in grande stile da Lucia insieme alla sua famiglia. Oggi infatti Lucia sarà insieme ai suoi due figli, ai suoi cinque nipoti e tre pronipoti per celebrare l'importante anniversario.

Una vita da albergatrice

Una predestinata: questo viene da pensare quando si ascolta il racconto della vita di Lucia. Fin da piccola infatti la decana romanese ha lavorato negli alberghi. Precisamente in quello della sua famiglia paterna, che in via Schivardi gestiva il “Cannon d'oro” un albergo storico della città. Un'occupazione senza soluzione di continuità, considerato che nel 1943, quando Lucia si sposa va a vivere nell'altro albergo storico romanese, “I tre re” nella centralissima via GB Rubini,  della famiglia del futuro marito Ugo Pansera.

L'albergo dei "Tre re", a destra, in via Giovan Battista  Rubini, negli anni '50.

La guerra e la ricostruzione

Qui, Lucia insieme al marito vive da molto vicino la guerra. Nell’ albergo dei “Tre re” soggiornano molti degli ufficiali della Wermacht, l'esercito tedesco il cui comando era alla Montecatini. "Ricordo che in quel periodo i tedeschi mi hanno fatto impazzire... - ha detto Lucia - Volevano sempre comandare. Un giorno abbiamo rischiato grosso perché uno di loro non si era presentato all’appello. Gli ufficiali pensando che noi avessimo qualche responsabilità ci hanno messo sotto torchio ma poi, alla fine, venne fuori che il tedesco si era addormentato dalla sera prima, forse perché aveva bevuto troppo, e non si era svegliato in tempo per l’adunata”.

Ugo diventa uno chef molto noto

Una volta passata la guerra, Lucia con il marito si attiva la meglio per migliorare la sua attività. Ugo diventa lo chef del nuovo ristorante dei “Tre re”, che diventa famoso in tutta la provincia. Quella che una volta poteva essere definita una locanda,  diventa uno dei migliori alberghi della Bergamasca. L’attività continua fino al biennio del 1979 /1980 quando i due coniugi chiudono l'attività e si godono la meritata pensione.

Lucia Dehò, la prima a destra, in una foto con il personale dei "Tre re" e il marito Ugo Pansera, primo a sinistra.

Cent'anni e non sentirli

Lucia oggi vive nella casa che Ugo ha costruito con i proventi della vendita dell’albergo  e ancora oggi gestisce tutta la casa. “Non sta mai ferma – ha raccontato  il figlio Dario – Segue tutte le attività di casa e ancora oggi è lei la capofamiglia”. Oggi tutta la famiglia celebrerà i cent'anni della sua nonna Lucia a cui vanno i più sinceri auguri.

TORNA ALLA HOME