Attualità
Spirano - Comun Nuovo

Spirano-Comun Nuovo: grazie ai fondi regionali e provinciali la ciclabile si farà

Ad annunciare la ciclabile il sindaco di Spirano Yuri Grasselli. L'opera verrà realizzata tra quest'anno e il prossimo.

Spirano-Comun Nuovo: grazie ai fondi regionali e provinciali la ciclabile si farà
Attualità Media pianura, 09 Gennaio 2022 ore 19:18

La ciclabile Spirano-Comun Nuovo è stata inserita dal Comune di Spirano nel proprio Piano Triennale delle Opere pubbliche.

Il Piano Triennale

Nel corso dell'ultima seduta del 2021, il Consiglio comunale di Spirano ha approvato a maggioranza il Piano Triennale delle opere pubbliche: tra quest’anno e il 2023 si punta in particolare alla realizzazione della ciclabile per Comun Nuovo. L’opera, inserita nel documento, è stata spiegata dall’assessore Matteo Ambrosini e, a margine della seduta consigliare, dal sindaco Yuri Grasselli: sarà completata grazie ai contributi di Regione Lombardia e Provincia.

I finanziamenti al Comune

Come spiegato prima della votazione dall’assessore Ambrosini, infatti, nell’allegato al bilancio riportante gli investimenti di costo superiore ai centomila euro è riportata la realizzazione della ciclabile Spirano-Comun Nuovo. Un’opera per la quale tra quest’anno e il prossimo il Comune riceverà un contributo in due saldi da Regione Lombardia, per un importo totale di 1,4milioni di euro, e un contributo provinciale da 200mila euro per la realizzazione del sottopasso ciclabile sulla Francesca. Oltre a questi, eventuali costi ulteriori saranno sostenuti dall’Amministrazione comunale.

Sfumata la convenzione con Terruzzi

Sfumata invece la possibilità di un contributo dall’azienda "Terruzzi", con cui il Comune aveva tempo fa stipulato una convenzione ma che, essendo andata incontro a fallimento, non potrà finanziare la quota di opera promessa. Nonostante il gruppo di minoranza "Spirano in Movimento", infatti, abbia chiesto se le nuove aziende installatesi nell’area prima di Ferruzzi ne abbiano in qualche modo ereditato l’impegno, il sindaco Grasselli ha chiarito in merito che la convenzione è decaduta con il fallimento dell’azienda.