Attualità
Cologno al Serio

Sicurezza informatica, l'associazione carabinieri mette in guardia sulle insidie del web

In occasione della celebrazioni per la Virgo fidelis la sezione che comprende anche Urgnano e Spirano ha organizzato una conferenza.

Sicurezza informatica, l'associazione carabinieri mette in guardia sulle insidie del web
Attualità Media pianura, 22 Novembre 2022 ore 10:15

Le insidie del web, tante, troppe. E la conferenza sulla sicurezza informatica organizzata dall’Associazione Nazionale Carabinieri di Urgnano, Cologno e Spirano durante le celebrazioni per la patrona, la Virgo Fidelis, è stato illuminante.

Sicurezza informatica: un problema di tutti

Chiunque oggi dispone di uno smartphone o di un pc, e comunque è chiamato a compiere operazioni digitali, dalla banca piuttosto che dalla Pubblica Amministrazione e via discorrendo. Senza contare il peso che man mano hanno assunto nella società i social. Tuttavia pochi sanno muoversi con la dovuta accortezza in questo mondo, e tantissimi incappano in truffe o furti. Sabato, dopo l’inaugurazione in mattinata della splendida mostra di quadri ispirati all’Arma e allo spirito dell’associazione, realizzati dall’artista Luisa Colombo, nel pomeriggio in sala consiliare si è approfondito proprio questo tema con un esperto, Giuseppe Checchia, che si avvalso del supporto tecnico di Metacafè.

"Da anni ci impegnamo sul territorio – ha esordito il presidente del sodalizio Paolo Bettonagli – sia a livello di controllo che di iniziative con finalità educative: nell’ambito delle scuole a Urgnano incrociando le esperienze addirittura con il carcere, e oggi a Cologno nell’abito della sicurezza sul web. Un primo appuntamento per approfondire le nostre conoscenze".

Sicurezza informatica

Tipi di attacchi

La maggior parte degli attacchi informatici censiti riguardano proprio la criminalità generica: si dividono, per scopo dell'attacco, in quattro categorie.

1 - Attacchi per fini di guerra (2,2%)

2 - Attacchi per fini di attivismo (13,5%)

3 - Attacchi per spionaggio industriale (6,7%)

4 - Attacchi per crimini informatici generici (77,5%): quest’anno indotto dalla pirateria informatica è stato pari a 6 trilioni di dollari. Parliamo di furto di carte di credito, violazione di conto corrente bancario o libretto postale o account social.

Cosa fare e non fare

"Della sicurezza informatica si dovrebbe occupare ognuno nella propria vita privata sul proprio cellulare, è lì che stanno la maggior parte dei dati - ha affermato Checchia - Le password dei dispositivi non vanno lasciate scritte e a vista, evitiamo di cedere la carta di credito, magari al cameriere: basta che memorizzi il numero e acquista on line con i vostri soldi, non serve il pin. Per essere sicuro un sistema deve seguire tre fattori di autenticazione: una cosa che sapete, la password, una che avete solo voi, il cellulare, e una che siete, impronta o iride o riconoscimento facciale. La legge dice che si deve applicare lo stato dell’arte della conoscenza, altrimenti non si è a norma. Attenzione, se date il cellulare a un altro e i dati riguardanti i vostri contatti finiscono in mano sua è responsabilità vostra. Ci sono poi algoritmi di riconoscimento facciale automatici: se il vostro telefono non è al sicuro non lo è la società. Attenzione alle persone con cui decidete di condividere i vostri dati, la privacy è importante".

Truffe e furti comuni

“Occhio ai dettagli, se ricevete mail, sms in chat o sui social chiedetevi innanzi tutto se vi stanno informando o chiedendo di fare qualcosa, nel secondo caso qualcuno sta per commettere crimine informatico – ha spiegato – analizzate le stringhe blu (link) su cui vi chiedono di cliccare: ogni azienda ha un dominio di riferimento diverso (url), per cui se fate una ricerca su internet ve ne accorgete subito se è il medesimo o no. Altra cosa da controllare è la presenza di una s dopo http, che significa sicuro. Puzza di bruciato anche se si coinvolgono terzi o se manca il mittente o se il messaggio avverte di una violazione e l’orario di ricezione è molto diverso dall’ora in cui è avvenuta la violazione stessa. Si chiama fishing: vi portano su un sito clonato e vi carpiscono la password dicendovi che occorre cambiarla, invece gliela state rivelando, infatti non vi chiedono gli altri due fattori di autenticazione".

Leggi in vigore

"La legge è molto immatura in questo momento soprattutto sul suolo italiano – ha affermato - e ai reati informatici si applica l’assimilazione a reati preesistenti: per esempio se si carpisce la password del vicino per rubargli la connessione wi-fi si parla di violazione di domicilio. Ci sono le linee guida europee, da assimilare entro un determinato periodo, in particolare il nuovo Regolamento (UE) 2016/679 per la Protezione dei dati o GDPR. Da qualche anno infatti sul nostro schermo appaiono banner in cui si chiede se si accettano o meno coockies, infatti le aziende che salvano un dato a fini commerciali devono avere il consenso esplicito del proprietario. Quanto alla protezione di questi dati, se chi li detiene non lo fa in modo sicuro è reato, la responsabilità è sua. Esistono altre norme collaterali al GDPR che sono nate da come noi lo stiamo assimilando in Italia e che dicono che i dati che si possono trattenere devono esserlo sul suolo europeo. Le informazioni infatti possono essere vendute e date in pasto a intelligenze artificiali che ne ricavano altre: pensiamo a Paesi che hanno regole e principi diversi dai nostri, che possono trattare i nostri dati come vogliono loro e non come vogliamo noi".

Seguici sui nostri canali