Attualità
Calcio

Roby Facchinetti al Cinema Astra per celebrare l'importanza del volontariato

La serata organizzata dall’Amministrazione comunale rientra negli eventi che celebrano Bergamo come Capitale italiana del volontariato 2022.

Roby Facchinetti al Cinema Astra per celebrare l'importanza del volontariato
Attualità Bassa orientale, 31 Ottobre 2022 ore 17:02

"...E torneremo a vedere le stelle" è la manifestazione che avrà Roby Facchinetti come ospite d’onore sabato 5 novembre presso il Cinema Asta a Calcio. La serata organizzata dall’Amministrazione comunale rientra negli eventi che celebrano Bergamo come Capitale italiana del volontariato 2022.

L'importanza del volontariato

Come valorizzare questo capitale umano, etico e sociale è l’interrogativo fondamentale che tutti si pongono, in un futuro che di certezze non ne garantisce. Proprio per celebrare la grandezza nel donare e nel donarsi agli altri, verranno proiettati dei video di varie persone che appartengono ad associazioni di volontariato presenti nella provincia.
Per quanto riguarda i calcensi, il prescelto è il presidente dell’Avis comunale Fulvio Zanchetti. Nella clip che verrà mostrata al pubblico, il giovane racconta la sua esperienza di donatore, non solo nel senso più concreto del termine, ma soprattutto come persona impegnata nel mettersi a disposizione fisicamente, socialmente, eticamente e moralmente per la comunità a cui appartiene. Il messaggio da lui lanciato è molto importante e significativo.

Roby Facchinetti al Cinema Astra

Al termine della proiezione gli amministratori consegneranno un ricordo alle varie associazioni di volontariato presenti sul territorio che si adoperano per il bene della comunità. Il culmine della serata sarà l’intervento dell’ex cantante dei Pooh: un’intervista sul tema del donarsi e della rinascita della terra bergamasca. Una gigantografia del presidente dell’Avis, assieme a volontari in altri ambiti provinciali, sarà visibile all’ingresso del teatro e nei giorni seguenti, precisamente dal 7 all’11 novembre, nell’atrio del municipio e appartiene alla mostra "Se non servo a cosa servo”. Parole pesanti, parole importanti, parole che inducono a riflettere sul senso della vita e dell’esistere come parti di una comunità.

Seguici sui nostri canali