Attualità
Pagazzano

Risolto il contenzioso tra vigile e Comune: le parti hanno concordato una transazione bonaria

Buone notizie per il Comune di Pagazzano: il contenzioso con l'agente di Polizia locale Gianluca Castagna si è risolto bonariamente.

Risolto il contenzioso tra vigile e Comune: le parti hanno concordato una transazione bonaria
Attualità Gera d'Adda, 22 Novembre 2022 ore 17:05

Risolto il contenzioso tra il vigile Gianluca Castagna e Comune di Pagazzano: le parti hanno concordato una transazione bonaria dopo la prima udienza tra le due parti in causa.

Il ricorso di Castagna contro il Comune

Il contenzioso risale allo scorso agosto, quando l'agente di Polizia locale  Castagna fece  ricorso al Tribunale del Lavoro di Bergamo contro il Comune di Pagazzano, presso il quale lavora, per ottenere il pagamento delle indennità spettanti e maturate durante tutto il periodo in cui è stato al servizio dell'ente pubblico. Per rivalersi sul Comune, il vigile si è affidato allo studio legale Pizzigoni-Pesenti di Bergamo: alla sua richiesta si è inizialmente opposto l'ente, che, ravvisata l’opportunità di resistere in giudizio in tribunale, ha incaricato il proprio legale di fiducia, l’avvocato Mauro Fiorona di Bergamo, di difendere gli interessi del Comune in tribunale. A tale scopo sono stati stanziati poco più di 3.500 euro di soldi pubblici per le spese legali.

Causa chiusa: l'accordo bonario tra le parti

A rendere conto della chiusura del contenzioso è stato lo stesso avvocato Fiorona, che come promesso ha reso noto l'esito del procedimento legale conclusosi nei giorni scorsi e risoltosi, per la gioia di ambo le parti, con una transazione bonaria.

"Dopo la prima udienza, durante la quale si era già prospettata da entrambe le parti in causa la possibilità di risolvere la questione con una transazione bonaria, l'accordo si è materializzato e concretizzato. La procedura è stata così chiusa e definita bonariamente attraverso una soluzione transattiva di cui non sono autorizzato a indicare i dettagli" fa sapere il legale.

Ciò che conta, comunque, è che le due parti abbiano trovato l'accordo bonario e l'ente comunale si sia impegnato a saldare una cifra pattuita al vigile, ammettendo di fatto di essere in difetto nei suoi confronti.

Seguici sui nostri canali