Menu
Cerca
Lavori al via

Restyling per la caserma dei Vigili del fuoco, Treviglio investe 700mila euro

Il distaccamento ha, inoltre, bisogno di nuovi volontari per far fronte alla grande attività.

Restyling per la caserma dei Vigili del fuoco, Treviglio investe 700mila euro
Attualità Treviglio città, 20 Maggio 2021 ore 13:28

Soldi e speranze sulla caserma dei Vigili del fuoco, Treviglio mette sul tavolo 700mila euro ma chiama a gran voce il territorio. Il distaccamento ha, inoltre, bisogno di nuovi volontari per far fronte alla grande attività che quotidianamente richiama al dovere e all'impegno i "ragazzi" del Comando trevigliese. La ricerca è aperta.

Restyling per i Vigili del fuoco

"A giugno ci siederemo a un tavolo con le altre Amministrazioni dell'area, diciannove in Provincia di Bergamo e tre fuori provincia, e chiederemo anche a loro di partecipare, di contribuire alle migliorie che via via si renderanno necessarie per l'attività dei nostri volontari, che lavorano ogni giorno per la nostra sicurezza e per la tranquillità dei nostri cittadini", ha detto il sindaco di Treviglio, Juri Imeri, nel corso della conferenza stampa d'avvio del primo lotto dei lavori di riqualificazione del comando trevigliese dei Vigili del fuoco.

La riqualificazione permetterà, tra le altre cose, di realizzare anche uno spogliatoio e i servizi igienici per l'eventuale arrivo di personale femminile. "Qualche richiesta c'è già, ma sinora non abbiamo potuto accoglierle per mancanza di spazi adeguati", ha confermato il capo distaccamento, Amos Moriggi.

Sopralluogo in caserma

Mercoledì mattina, erano presenti, tra gli altri, anche il comandante provinciale, Calogero Turturici, e il consigliere regionale Giovanni Malanchini. Il primo lotto, dal costo di 200mila euro, prevede la ristrutturazione del piano rialzato della caserma, la formazione di nuovi locali per lo spogliatoio con docce e servizi adeguati, lo spostamento dei servizi di casermaggio (cucina e dormitorio) negli alloggi al piano superiore, gli interventi di adeguamento sismico alle strutture prefabbricate, il rifacimento dell'impianto elettrico e del cablaggio e, in ultimo, il rifacimento impianti di riscaldamento e idrosanitario.

"Lo scorso anno eravamo già intervenuti sulla centrale termica grazie, almeno in parte, a un contributo regionale – ha aggiunto il sindaco – I lavori del primo lotto dureranno circa due mesi. In coincidenza con la conclusione, metteremo a bilancio ad agosto, con una variazione, i 500mila euro necessari al secondo lotto, che partirà poi in autunno e che riguarderà l'intero complesso. Saranno coinvolte anche le parti dove alloggiano la Croce rossa, i Sommozzatori e la Protezione civile, per il consolidamento strutturale antisismico".

Grande sinergia

"Questo dimostra una volta in più quanto per noi sia importante stare accanto ai nostri volontari – ha aggiunto Imeri – Una casa più sicura e moderna è quanto serviva, in linea con le disposizioni più recenti: garantire prevenzione, formazione, sicurezza, sinergia e azione è l'elemento essenziale del progetto, condiviso con il comando provinciale, il capo distaccamento Amos Moriggi e il consigliere delegato Marco Ghiggini, sempre in prima linea e tra i principali promotori di questo importante intervento. Dei volontari bisogna ricordarsi ogni giorno, non solo quando se ne ha bisogno".