Attualità

Restaurato l'organo parrocchiale di Brignano: un gioiello di 107 anni

Restaurato l'organo parrocchiale di Brignano: un gioiello di 107 anni
Attualità Gera d'Adda, 29 Maggio 2021 ore 13:14

Dopo un anno di lavoro il restauro dell’organo parrocchiale di Brignano è quasi terminato. Le operazioni di rimessa a nuovo, iniziate nel maggio 2020,  sono in via di ultimazione e presto la comunità brignanese potrà tornare ad ascoltare le note del pregiato strumento della chiesa parrocchiale, i cui materiali risalgono addirittura al Settecento.

L'organo parrocchiale di Brignano è (quasi) restaurato

Come spiegato dal restauratore incaricato del recupero Pietro Corna, infatti, l’organo attuale, costruito nel 1914 da Giuseppe Rotelli, deriva dalla base di un organo pre-esistente, un Serassi di fine ‘700 successivamente ampliato dalla ditta Galbiati nel 1865, prima che, alla vigilia della Prima Guerra Mondiale, Rotelli ci rimettesse mano ricostruendolo e spostandolo sopra il portale d’ingresso della chiesa, all’interno di una cassa lignea appositamente costruita.
Da allora fino a un anno fa, l’organo brignanese è rimasto sostanzialmente immutato salvo qualche operazione di manutenzione ordinaria, fin quando lo scorso anno la ditta di Corna non è stata incaricata del suo completo restauro. "Dopo aver ritirato l’organo siamo andati a restaurarne le parti per riportarlo esattamente com’era quando è stato costruito da Rotelli – ha spiegato il titolare dei lavori – Si tratta di un pregiato organo a trasmissione meccanica che gode dell’ausilio della pneumatica per la trasmissione dei registri e di una leva Barker per il movimento della prima tastiera, un’implementazione molto frequente in Francia, ma poco in Italia, probabilmente inserita dallo stesso Rotelli per migliorarne le prestazioni".

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola oppure QUI