Attualità
Premiato il veterano 98enne

Quintano onora il soldato Pietro Giovanni Degli Agosti

Consegnate le onoreficenze e deposta la corona alla cappella dei caduti

Quintano onora il soldato Pietro Giovanni Degli Agosti
Attualità Cremasco, 20 Novembre 2021 ore 09:00

Onori al soldato Pietro Giovanni Degli Agosti, una chiesa gremita ha assistito alla cerimonia di conferimento del diploma di benemerenza e il titolo di presidente onorario della "Federazione provinciale combattenti e reduci" al veterano 98enne.

Celebrazione al coperto

La celebrazione si è svolta nella chiesa parrocchiale di san Pietro apostolo, in presenza di una delegazione dell’Amministrazione comunale, degli alpini e delle sezioni delle associazioni dei combattenti e reduci di Quintano, Cremosano, Casaletto Vaprio e Pandino.

Il discorso della presidente Ginelli

Al termine della messa, scandita a più riprese dal suono solenne della tromba, sull’altare sono salite la sindaca Elisa Guercilena e la presidente della "Federazione provinciale combattenti e reduci" Giovanna Ginelli, che ha pronunciato un toccante discorso in onore del veterano quintanese.

"Non ancora 20enne era già soldato, prima a Milano e poi a Vicenza, nel terzo reggimento celere di artiglieria - ha detto, ripercorrendo il cammino di Degli Agosti - In quella caserma visse gioia, dolore e paura. La gioia per l’armistizio dell’8 settembre 1943 e il dolore e la paura perché il giorno dopo tutti furono rinchiusi su un treno e deportati dalle SS, prima in Lussemburgo e poi in Germania per lavori umilianti e continuamente denutriti, minacciati e insultati. Il soldato Pietro subì diversi spostamenti e, pur nelle difficoltà per trovare cibo e per la sua salute, riuscì, grazie alla bontà delle persone e delle famiglie che incontrò in questa vita da prigioniero, a sopravvivere e tornare in Patria, grazie anche ai soldati americani che liberarono lui e tanti suoi fratelli di sventura".

La vita e l'impegno di Degli Agosti

Nato nel maggio del 1923 in una famiglia con 12 figli, Degli Agosti riuscì infine a tornare a casa e a riprendere la sua attività di agricoltore, divenendo voce della comunità attraverso il ruolo di presidente della roggia "Oriolo" e della sezione locale dell’«Associazione nazionale combattenti e reduci», carica che ricopre tuttora.

"Ho ricordato brevemente il cammino del soldato Pietro con un solo scopo - ha concluso Ginelli - Ricordare a tutti i fortunati come me, che sono nati dopo la guerra, di non dimenticare mai i sacrifici fatti dal soldato Pietro e da tanti altri soldati, nostri padri e fratelli che hanno dato la vita per farci vivere liberi e in pace, due valori che oggi rischiano di non essere ben capiti e vissuti nella nostra Patria".

Processione e deposizione della corona

La pioggia non ha fermato la processione fino alla cappella ai caduti di piazza Martiri di Nassiriya, dove l'Amministrazione ha deposto una corona d’alloro, prima di concludere la cerimonia con l’ennesimo ringraziamento al presidente, concittadino, soldato Pietro Giovanni Degli Agosti, fortemente commosso dall’affetto dimostratogli dalla comunità.

7 foto Sfoglia la gallery