Attualità
Ambiente

Pensateci due volte prima di accendere il camino

Anche in pianura qualcuno ha già avuto la tentazione di accendere il camino o la stufa a legna, per risparmiare sul gas. Ma è davvero una buona idea?

Pensateci due volte prima di accendere il camino
Attualità Treviglio città, 24 Settembre 2022 ore 14:36

Arrivano i primi freddi, le giornate si accorciano,  e in attesa dell'accensione dei riscaldamenti, che quest’anno parte dal 22 ottobre, qualcuno ha già la tentazione  i trovare qualche alternativa, come accendere il camino o la stufa a legna di cui dispongono ancora molte case, soprattutto non nuove, anche in pianura.  Unendo un po' di romanticismo a un po' di risparmio economico, se si ha della legna da parte, visto il costo del gas alle stelle. Ma è davvero una buona idea?

Non sempre, anzi sostanzialmente quasi mai se non si dispone di un impianto ad alta efficienza. Camini e stufe infatti hanno un'efficienza media molto ridotta, e per questo è facile incorrere in multe soprattutto in una Regione, la Lombardia, la cui normativa in materia è tra le più rigide e che prevede le sanzioni più alte per emissioni oltre il limite.

Multe da 500 a 5000 euro per chi usa impianti a biomasse irregolari

Come si legge nel comma 4 all’articolo 27, quello riservato alle sanzioni, della Legge regionale 24/2006 «L’inosservanza delle disposizioni della Giunta regionale concernenti le tipologie di impianto e le biomasse ivi utilizzabili, comporta l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria dai 500 ai 5000 euro».

Sempre sotto le "quattro stelle"

L'unica soluzione è quella di utilizzare impianti di ultima generazione chiamati generatori di calore con classe di prestazione emissiva inferiore a quattro stelle, misura che indica il livello di inquinamento dell'aria massimo consentito.

Per capire quante stelle abbia il vostro impianto, basta consultare l'annesso libretto, che ne certifica le prestazioni e le emissioni. Il costruttore stesso è tenuto a rendere disponibile la classificazione ambientale dei propri modelli. In ogni caso, dal gennaio 2020 su tutto il territorio regionale vige il divieto di installare generatori a quattro stelle, quindi se l’acquisto è stato fatto dopo questa data non dovrebbero esserci problemi.

Seguici sui nostri canali