Attualità
Buone notizie

Nuovi medici in provincia di Bergamo: 25 nuovi diplomati

Si è concluso, con il ritiro dei diplomi nella sede dell’Ats Bergamo, il corso di formazione specifica in medicina generale per il polo didattico di Bergamo.

Nuovi medici in provincia di Bergamo: 25 nuovi diplomati
Attualità Bergamo e hinterland, 24 Marzo 2022 ore 16:35

In un momento molto delicato per la medicina generale, con la sempre più preoccupante scarsità di medici di base, fa ben sperare l'arrivo di nuove forze fresche che andranno a impegnarsi proprio sul territorio nel rapporto diretto medico-paziente.

Venticinque nuovi medici

Per 25 professionisti e professioniste si è concluso ufficialmente ieri, 23 marzo 2022, con il ritiro dei diplomi nella sede dell’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, il corso di formazione specifica in medicina generale triennio 2017/2020 per il polo didattico di Bergamo. A consegnare gli attestati la dottoressa Enrica Capitoni, referente ospedaliero del corso, insieme a Massimo Giupponi (ATS Bergamo), Alessandro Colombo (Polis Lombardia), Maria Beatrice Stasi (ASST PG23), Guido Marinoni (Ordine dei Medici di Bergamo), Anna Pozzi (coordinatrice didattica del Polo bergamasco) e Ovidio Brignoni (coordinatore didattico dell’intero corso regionale).

Si tratta dei dottori e delle dottoresse Ambrosini Veronica, Baldanova Tatiana, Bassanese Giulia, Chiappamaria Elena, Cupi Vera, De Bernardis Gaia, Facoetti Marianna, Gallotta Anna, Giannetta Giorgio, Grieco Felice, Lanzini Tanya, Manzoni Daniela, Marini Paola, Menegardo Francesco, Menghini Luca, Musitelli Giorgio, Pagnoni Licia Maria, Palazzi Sharon, Paonessa Lorenzo, Saradih Abdul Halim, Scalvini Chiara, Tartufari Adriana, Tripoli Vincenzo, Villa Giulia, Zampatti Francesca.

"Grazie per aver dato man forte alla medicina territoriale"

“Oggi consegniamo i diplomi che chiudono il percorso formativo iniziato nel 2017 – ha commentato Massimo Giupponi, direttore generale di ATS Bergamo – Vi ringrazio per aver terminato questo percorso e per essere stati disponibili a dar man forte alla medicina territoriale in anni difficili. Il vostro percorso formativo è stato fortemente impattato dalla pandemia da Coronavirus: avete dato un apporto importante, sul campo ma anche al call center di ATS Bergamo e non solo. Grazie per essere rimasti qui. Due i temi su cui stiamo lavorando: da un lato che la medicina territoriale si raccordi con le altre realtà del territorio in tutte le loro espressioni; dall’altro l’attivazione della casa di comunità che costituisce una grande scommessa dal punto di vista organizzativo, un luogo che può aiutare il raccordo e la messa in rete dei servizi”.

"Grazie, non vi siete tirati indietro"

“Due parole: grazie e aiuto - ha aggiunto Alessandro Colombo, direttore dell’accademia di formazione per il servizio sociosanitario lombardo Polis Lombardia - Grazie perché avete cominciato secondo un modello che nel frattempo è cambiato e in quel crocevia che è stato il Covid, nell’incertezza e nella confusione, senza tirarvi indietro. Aiuto significa dateci una mano: il corso non è più per diventare medici di medicina generale ma è un corso di medici di medicina generale. Aver fatto il tirocinio qui significa avere dei legami a vostra disposizione, questa comunità di professionisti non deve disperdersi ma essere utile a chi arriverà dopo di voi”.

La dottoressa Anna Pozzi, coordinatrice didattica del Polo bergamasco: “Mi fa piacere rivedervi: da quando abbiamo discusso le tesi online non ci siamo più incontrati. Il vostro anno di corso è stato particolare: durante la pandemia non vi siete risparmiati tra Usca, contact tracing e altro ancora. Il tempo è volato, le tesi erano molto belle e impegnate, gradite dalla Commissione. Adesso vi attende la grande scommessa del cambiamento della medicina di famiglia. Ma ricordiamoci sempre il rapporto di fiducia tra medico e paziente, nonché la capillarità che serve al territorio”.

"Siete l'ossatura della medicina sul territorio"

“Bergamo è un territorio che ha dato molto alla medicina generale: sono stati fatti lavori scritti molto importanti e sono nate esperienze significative e inedite - ha sottolineato Ovidio Brignoni, coordinatore didattico dell’intero corso regionale - Voi siete l’ossatura della medicina sul territorio. Non si può più lavorare da soli: bisogna aprirsi e lavorare in una dimensione che non è solo quella del rapporto medico-paziente. E’ necessario allargarsi alla dimensione della comunità”.

“Credo nella formazione e mi piace il ruolo che la mia ASST svolge nella formazione: siamo un teaching hospital. Siamo anche sede di laurea in Medicina in lingua inglese e abbiamo i corsi di laurea delle professioni sanitarie – ha puntualizzato Maria Beatrice Stasi, direttore generale della ASST PG23 – Oggi le sfide sono tante: la legge 22 prevede un passaggio importante con le ASST che dovranno istituire i distretti che ospiteranno i medici di medicina generale e far nascere i nuovi dipartimenti di cure primarie. E’ arrivato il momento di superare gli steccati, di condividere spazi e conoscenze".

Il futuro con le Case di comunità

“E’ vero che l’impegno è forte ma voi avete scelto il pezzo più bello della nostra professione – ha concluso Guido Marinoni, presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo – Perché siete autonomi con il vostro paziente, perché avete un rapporto personale che è un rapporto fiduciario. Inoltre iniziate a farlo adesso, quando nasce la casa di comunità: un’opportunità enorme. Avete davvero la possibilità di costruire la nuova medicina generale”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter