Attualità
Treviglio

La Bcc premia gli studenti migliori: "In futuro del Paese è nelle vostre mani"

Oltre 60 ragazzi e ragazze premiati dalla Cassa Rurale per il loro impegno a scuola.

La Bcc premia gli studenti migliori: "In futuro del Paese è nelle vostre mani"
Attualità Treviglio città, 29 Novembre 2021 ore 12:58

Un riconoscimento agli studenti che si sono distinti per il loro impegno nel percorso di studi che hanno scelto per entrare nel mondo degli adulti. Giovedì 25 novembre al Tnt si è infatti tenuta la cerimonia di premiazione delle borse di studio, 62 in tutto, assegnate dalla Cassa Rurale trevigliese agli studenti meritevoli, soci o figli di soci che abbiano conseguito, l’anno precedente, il diploma di scuola media superiore o il diploma di laurea.

Il futuro è nelle mani dei giovani

L’evento, giunto alla sua 26esima edizione, come è tradizione ormai da diversi anni, non ha rappresentato solo un momento celebrativo, bensì ha voluto essere l’occasione per affrontare tematiche attuali che possano accrescere il bagaglio culturale dei giovani presenti in sala.
Per questo, la Bcc di Treviglio ha scelto di invitare come ospite della serata Stefano Gatti, economista e docente di Finanza delle Infrastrutture presso il Dipartimento di Finanza dell'Università Bocconi di Milano, oltre che un amico della Cassa Rurale, che è intervenuto sulla tematica: “Banche di Comunità e investimenti speculativi: come cambia il risparmio nel mondo post pandemia da Covid19”.

“Il nostro paese è nelle mani dei giovani, soprattutto in un momento come quello che stiamo vivendo oggi dove tutto è stato messo in discussione - ha esordito Gatti - La difficile situazione che stiamo vivendo cambierà in modo molto sostanziale il nostro approccio al concetto e al mondo del risparmio e quindi degli investimenti. Voi siete dei talenti, avete una grande carriera davanti, sappiate che dovete ricominciare a costruire ciò che vi è stato lasciato. Non deludeteci”.

Oltre 60 studenti premiati dalla Bcc

La parola è poi passata al presidente della Cassa Rurale Giovanni Grazioli per l'assegnazione dei premi. In apertura alle premiazioni, il Presidente della Fondazione Cassa Rurale di Treviglio Franco Riz ha introdotto la prima Borsa di Studio istituita dalla Fondazione in memoria del suo amato presidente Lorenzo Bergamini, riservata agli studenti delle scuole superiori, che nonostante i momenti di
difficoltà di varia natura sono riusciti ad assolvere ai loro impegni con serietà e costanza. Presenti in sala per l’occasione, la moglie e i figli di Bergamini.

6 foto Sfoglia la gallery

Alla luce di quanto previsto dal regolamento, sono state assegnate più di 60 borse di studio a studenti provenienti da ben 36 paesi diversi sparsi sul territorio di competenza della Banca, che hanno conseguito i loro studi tutti con il massimo dei voti, per un totale di erogazione superiore ai 25mila euro. Nello specifico 22 premi a studenti che hanno conseguito il diploma di scuola media superiore; 23 borse di studio a studenti che hanno conseguito il diploma universitario di Laurea Triennale; 13 borse di studio a studenti che hanno conseguito il diploma universitario di Laurea Specialistica e 3 borse di studio speciale a tre studentesse dell’Istituto Tecnico commerciale Oberdan di Treviglio, per il terzo anno, in memoria di Ivan Arzilli, ex consigliere e ex vicepresidente vicario, che conservò da sempre un profondo legame con la scuola, prima come alunno e poi come insegnante.

E infine, appunto, una borsa di studio in memoria del compianto presidente della Fondazione Cassa Rurale di Treviglio Lorenzo Bergamini - nonché la prima borsa di studio della Fondazione.

Premiare i giovani, premiare il futuro

Un’iniziativa, quella delle borse di studio, fortemente voluta dalla Bcc di Treviglio per riconoscere l’impegno dei ragazzi e sottolinearne la sua vicinanza, nonché promuovere e diffondere la cultura tra i giovani, risorsa di fondamentale importanza per il futuro del nostro Paese e del nostro territorio.
Salutando e ringraziando i giovani premiati per il loro impegno, il presidente Grazioli ha sottolineato l’attenzione della Cassa Rurale Bcc Treviglio nei loro confronti affinché, anche tramite il suo supporto e ausilio, si facciano un giorno portatori di valori e di cultura.

“Il suggerimento più importante che posso darvi, collegandomi al discorso fatto dal dottor Gatti, è quello di essere sempre consapevoli nella gestione dei vostri risparmi, nel vostro presente e nel vostro futuro, a maggior ragione per il periodo che stiamo vivendo - ha detto Grazioli - Siamo orgogliosi di assegnare questi riconoscimenti perché premiare i giovani per noi, vuol dire premiare il futuro”.

Nel corso della serata, è stato consegnato a tutti i ragazzi “Storie minime. Per ricordare e vivere i principi cooperativi” il libro di Alfredo Ferri, che racchiude importanti pillole di vita, nonché preziosi valori e concetti, per celebrare ancora una volta i 100 anni dalla sua nascita.