Attualità
Treviglio

Il Cri Neve piace sempre di più: nel 2021 iscrizioni raddoppiate

Le attività si sono svolte alle Mozzi per un totale di 11 giornate. Il servizio si rivolge a bambini e ragazzi di età compresa tra i 3 e i 14 anni.

Il Cri Neve piace sempre di più: nel 2021 iscrizioni raddoppiate
Attualità Treviglio città, 12 Gennaio 2022 ore 09:31

Il Cri Neve piace sempre di più alle famiglie trevigliesi (e non solo): in un anno iscrizioni raddoppiate nonostante la pandemia.

Il Centro ricreativo invernale

Per il sesto anno consecutivo l’Amministrazione comunale di Treviglio ha attivato il Centro ricreativo invernale (altrimenti conosciuto come Cri Neve), che quest'anno si è svolto all'interno della scuola Mozzi per un totale di 11 giornate. Il servizio si rivolge a bambini e ragazzi di età compresa tra i 3 e i 14 anni durante i periodi di sospensione dell’attività scolastica.

Iscrizioni raddoppiate

Una scelta molto apprezzata dalle famiglie, come confermano i 52 iscritti (28 nell'edizione precedente) tra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado. Ad assistere bambini e ragazzi sono gli educatori qualificati della Cooperativa Città del Sole nell'ambito di una giornata tipo strutturata dalle 7.30 alle 18; orari che offrono alle famiglie un servizio pre e post all’insegna della conciliazione dei tempi famiglia-lavoro.

Attività educativa

Il filo conduttore del progetto educativo di quest’anno è stato “Neve in festa” e si è sviluppato intorno alle tante occasioni di divertimento che può offrire la stagione invernale: bambini ed educatori si sono divertiti in piccoli gruppi con tornei a squadre, attività laboratoriali e svolgimento compiti. I bambini, accompagnati dagli educatori, hanno partecipato alle attività organizzate dalla biblioteca ragazzi e molte altre escursioni sul territorio.

Un contributo per contenere le rette

"Il Cri Neve, anche in questo periodo di pandemia, si è svolto regolarmente: un ottimo successo - ha commentato il vicesindaco e assessore Servizi alla Persona Pinuccia Prandina - Rispetto alle famiglie lo scopo principale è stato quello di offrire sostegno ai genitori che lavorano nel periodo lasciato scoperto dalle scuole e assicurare, anche nel corso delle vacanze invernali, un intervento educativo finalizzato non solo allo svago e al divertimento ma anche all'acquisizione di competenze, abilità sociali e continuità didattica, realizzato da figure preparate e qualificate professionalmente. L’Amministrazione comunale ha stanziato un contribuito per contenere le rette di frequenza del Cri Neve, agevolando le famiglie in un periodo di fragilità economica".