Altro
Sport - Serie B Femminile

L’Elvas Visconti Brignano "bestia nera" del Basket Femminile Milano

Sabato il quintetto allenato da coach Boschi ospita l’ostico Pontevico

L’Elvas Visconti Brignano "bestia nera" del Basket Femminile Milano
Altro Gera d'Adda, 07 Maggio 2021 ore 12:09

L’Elvas Visconti Brignano si conferma la "bestia nera" del Basket Femminile Milano. L’unico successo del girone di andata della Serie B femminile era arrivato in casa proprio contro le milanesi, e nella gara di ritorno le brignanesi si sono ripetute andando ad espugnare il PalaIseo di Milano per 55-60.

La vittoria dell'Elvas Visconti

Una partita mozzafiato, sempre in equilibri, con le gialloblu che hanno scavato il solco decisivo nel minuto finale o poco più. Il racconto è di coach Matteo Boschi che alla sua seconda partita sulla panchina dell’Elvas Visconti, ha già assaporato il dolce gusto della vittoria.

"Quando mancava 1’15” all’ultima sirena eravamo sotto di 2 punti. Grazie alla lucidità e freddezza dalla lunetta dei tiri liberi siamo riusciti ad agganciare e superare le milanesi. E’ stata durissima perché loro hanno messo subito in campo tanta intensità e fisicità, siamo andate sotto ma contenendo il distacco. Partita bella e avvincente con tanto equilibrio, ma allo stesso tempo abbiamo vinto tre parziali su quattro. Le ragazze sono state bravissime tirando benissimo da fuori con 9 triple realizzate; avevamo anche rotazioni ridotti per le assenze di due esterni importanti come Kola e Toffetti".

Grande prova corale delle gialloblu che hanno avuto in doppia cifra Behring con 23 punti (6/11 da tre punti), Macalli 14 e Comaschi 12.

Domani in campo contro il Pontevico

Sabato 8 maggio alle 20.45 si torna al PalaFontanine di Brignano per ospitare le solide bresciane del Pontevico e se possibile cancellare il pessimo -53 dell’andata (85-32).

"E’ da dimenticare quella partita - conclude Boschi -, ma la cosa importante al momento non è guardare la classifica. Bisogna acquistare consapevolezza, mettere in campo tutto quello che abbiamo: guardare più alla “classifica” personale. Ogni ragazza deve vedersi dentro e scoprire i suoi limiti per migliorare. In questo modo migliorerà tutta la squadra. Stavolta non dovrebbero esserci assenze, sappiamo che è una partita difficile ma ci proveremo. Le bresciane conoscono bene la categoria e sarà dunque un’altra battaglia che dobbiamo affrontare con la giusta convinzione".