Altro

In cinque mesi 20mila sacchetti per la cacca

Ventimila sacchetti per le deiezioni canine prelevati dai distributori da inizio anno. Un numero talmente esorbitante che ha portato il Comune a "correre ai ripari" chiedendo alla cittadinanza di farne un uso più consapevole.

In cinque mesi 20mila sacchetti per la cacca
Altro Romanese, 30 Maggio 2018 ore 12:12

Ventimila sacchetti per le deiezioni canine prelevati dai distributori da inizio anno. Un numero talmente esorbitante che ha portato il Comune a "correre ai ripari" chiedendo alla cittadinanza di farne un uso più consapevole.

Troppi sacchetti per le deiezioni dei cani

Perché no: è davvero improbabile che in cinque mesi siano stati tutti davvero utilizzati per il loro scopo. A meno che un esercito di cani dai padroni educatissimi si sia dato appuntamento all’ombra della Rocca.

I numeri

Ecco i numeri: da inizio anno i cittadini urgnanesi hanno usufruito di circa 20mila sacchetti per le deiezioni canine, che il Comune mette a disposizioni di tutti negli appositi distributori sparsi per il paese. Calcolatrice alla mano significa un fabbisogno giornaliero di circa 133 sacchetti. E quindi di altrattanti escrementi canini. Una cifra che pare quindi eccessiva rispetto il reale bisogno della comunità.

L'allarme degli amministratori

Ad accorgersene sono stati per primi gli amministratori. Sul sito del Comune, infatti, è apparso l’avviso dove si invitava ad «un uso più consapevole» del servizio. "Dall’inizio dell’anno ad oggi – è scritto sul sito del comune – sono stati prelevati circa 20mila sacchetti per le deiezioni canine dai distributori del territorio. Si avvisa la cittadinanza ad un uso consapevole dell’utilizzo a cui lo stesso è destinato". Gli amministratori si sono accorti del "surplus" nell’uso dei sacchetti proprio perché è stato necessario acquistarne di nuovi.

TORNA ALLA HOME