Scuola

CISL scuola contro la didattica a distanza

Per CISL scuola, la DAD può solo essere uno strumento integrativo

CISL scuola contro la didattica a distanza
Bergamo e hinterland, 22 Novembre 2020 ore 15:43

Una scuola in sicurezza, ecco la richiesta di CISL scuola Bergamo, che critica il ricorso alla didattica a distanza.

No alla DAD

Disorganizzazione e previsioni disattese. La CISL non apprezza il ritorno alla didattica a distanza per una serie di motivi affrontati in un comunicato.

“Già da alcuni mesi di quest’anno solare, che si farà ricordare per la sua drammaticità, la scuola era tornata sotto i riflettori della politica, degli intellettuali, dei media e delle famiglie in quanto occorreva trovare nuove modalità di insegnamento-apprendimento per consentire a milioni di bambini e adolescenti di convivere con la pandemia senza doversi rassegnare al totale abbandono degli studi – si legge in un comunicato CISL – Così, nell’impossibilità della didattica in presenza, il ricorso alla DAD è sembrato poter sopperire al decisivo rapporto docenti-studenti basato su un costante dialogo, su un incontro capace di favorire la crescita e di lasciare tracce nella loro vita futura.Terminato l’anno scolastico, ben sapendo che la DAD non offriva le necessarie garanzie per l’apprendimento, nonostante l’estenuante impegno di tutto il personale della scuola, il Governo ha pensato che fosse sufficiente garantire le cautele consolidate nella prassi emergenziale [distanziamento (attraverso i banchi a rotelle?), mascherine e sanificazione] di modo che l’ambiente scuola potesse offrire la dovuta sicurezza e si fosse, così, pronti ad affrontare il nuovo anno scolastico con sufficiente tranquillità.Così, purtroppo, non è stato e le cause sono a tutti note: ci troviamo a vivere un nuovo lockdown e un nuovo ricorso alla DAD senza che, nel frattempo, ci si sia attrezzati al meglio per poterne ridurre le criticità”.

Tre conseguenze

Le risorse economiche e gli interventi intavolati non sono riusciti a scongiurare i contagi, mettendo in pericolo il delicato compito degli insegnanti.

“Questo colpevole ritardo pone, tra gli altri, almeno tre problemi fondamentali – prosegue il comunicato – Il primo attiene la qualità dell’insegnamento che, nonostante l’impegno dei singoli docenti, non può non risentire dell’assenza di un piano generalizzato di aggiornamento sui nuovi linguaggi e sull’utilizzo delle strutture digitali; il secondo riguarda la qualità dell’apprendimento: apprendimento che dovrebbe essere vissuto come avventura, come ricerca, come tensione verso un mondo ricco di bellezze da scoprire ma perché sia veramente tale, data l’età dei discenti, necessita di costanti sollecitazioni e di puntuali verifiche; il terzo, considerata l’arretratezza delle strutture tecnologiche e la loro disomogeneità nei vari territori, attiene al rischio, non certo immaginario, di acuire le distanze sociali causa anche la povertà di molte famiglie”.

DAD solo come supporto

“A fronte di queste considerazioni e della superficialità con cui sono state riaperte le scuole, dopo un’estate lasciata vivere all’insegna di valutazioni poco ponderate, noi CISL SCUOLA, a buon diritto, continueremo a sostenere con ferma convinzione che la DAD può e potrà essere solo un utile strumento integrativo della didattica in presenza e, pertanto, sollecitiamo con forza i decisori politici ad una attenta valutazione di tutti i percorsi, in primis i trasporti, perché i contagi siano contenuti e le “SCUOLE” possano essere riaperte in piena sicurezza”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia