Tutti al mare!

Un'estate in piena sicurezza

Le misure messe in campo in Riviera Romagnola e in Costa Smeralda per tutelare la salute dei turisti.

Un'estate in piena sicurezza
13 Luglio 2020 ore 15:53

Ci sono le spiagge più famose d’Europa, un mare pulito e sicuro, il divertimento più trendy, un’ospitalità impareggiabile, l’amore e il rispetto per la natura, e infine un grande patrimonio di arte, cultura ed enogastronomia da scoprire. Ma anche nelle nostre località più note sarà un’estate diversa: non meno affascinante degli altri anni, ma certamente più attenta a garantire la sicurezza di tutti i turisti.

Riviera romagnola: un’estate al mare in piena sicurezza

Andrea Corsini

In Romagna ci sono 110 km di spiaggia con free Wi-Fi, grandi parchi di divertimento, paradisi termali, tesori artistici e archeologici, sport e grandi eventi come la Notte Rosa e la Notte del Liscio.
Ma anche qui sarà un’estate diversa dal solito?
«La nostra Regione, in anticipo sulle altre, ha messo a punto protocolli specifici che dettano le misure di sicurezza per ogni ambito della vacanza, dalla spiaggia all’albergo, dal food ai parchi divertimento – ci spiega l’assessore regionale a Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo e Commercio della Regione Emilia Romagna, Andrea CorsiniPer esempio, per gli ombrelloni in spiaggia si prevede un’area minima di 12 metri quadrati a ombrellone per garantire il massimo distanziamento e abbiamo introdotto la figura dello steward di spiaggia, che controlla la corretta osservanza delle regole sull’arenile da parte dei bagnanti».
Alberghi, stabilimenti balneari, ristoranti: sono pronti ad accogliere i turisti? E come?
«Tutti i nostri operatori hanno reagito prontamente impiegando il lockdown per attrezzarsi adeguatamente allo scopo di garantire la qualità della vacanza ai nostri ospiti, ma in totale sicurezza. Distanziamento, detergenti per le mani, obbligo di mascherina negli spazi comuni, check in online negli alberghi e pagamenti elettronici: tutto per garantire la salute – e una vacanza serena – ai turisti».
Per superare le eventuali difficoltà organizzative di operatori e famiglie sarà possibile allungare la stagione? Avete in programma qualche cosa di diverso dagli anni passati?
«Sicuramente molti alberghi protrarranno la stagione, anche tenendo conto del fatto che tanti eventi di inizio estate sono stati “riprotetti” nei mesi di settembre e ottobre e quindi ci aspettiamo turisti anche al termine della normale stagione balneare. Anche la Notte Rosa, appuntamento fisso dal 2006 del primo weekend di luglio, è stata spostata dal 3 al 9 agosto e al posto dei grandi concerti proporrà eventi in grandi spazi aperti, atmosfere lounge all’insegna della dolcezza e del romanticismo, lunghe cene in riva al mare, concerti “unplugged”, suggestioni oniriche fra atmosfere circensi e spettacoli di street art e giocoleria, suoni, luci e fuochi d’artificio sul mare. E protagonisti saranno anche i borghi e i suggestivi paesaggi dell’entroterra».

Anche nella famosa Costa Smeralda si tutela la salute di tutti i turisti

In questa estate post emergenza Covid-19, il Comune di Arzachena punta a garantire massima tutela della salute e una vacanza serena per i visitatori. L’immagine di una Sardegna sicura è l’obiettivo prioritario.
Nel centro storico, nelle località balneari più note, come Porto Cervo e la Costa Smeralda, ma anche nei borghi di Baja Sardinia e di Cannigione sono stati incrementati i controlli della polizia municipale per verificare il rispetto delle disposizioni sul distanziamento in spiaggia e nei locali pubblici. Un importante passo in questa direzione è stato fatto anche grazie all’accordo dell’ente con i titolari di concessioni balneari, che si prestano a mantenere ordine sui litorali e a comunicare alle Forze dell’ordine eventuali comportamenti scorretti dei bagnanti. Stesso discorso vale per la gestione delle strutture ricettive e dei ristoranti che, come stabilito a livello nazionale, hanno riorganizzato l’attività per assicurare il miglior servizio possibile ai clienti. A sostegno delle attività di bar e ristoranti colpiti dalla crisi economica dovuta al lockdown, poi, il Comune ha concesso gratuitamente l’utilizzo di più ampi spazi pubblici per allestire tavoli e salottini all’aperto e azzerato la relativa tassa.
Gel e mascherine non inficeranno la qualità e la magia dell’esperienza di viaggio nella destinazione. Anche dal punto di vista degli eventi Arzachena si mostrerà ospitale e coinvolgente. Tra cinema sotto le stelle, installazioni artistiche, manifestazioni sportive, presentazioni teatrali e degustazioni, tutto organizzato col bollino anti Covid, fino a ottobre l’intrattenimento sarà garantito.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia