Menu
Cerca
coop lombardia

Tornano le nuove borse di “Alimenta l’Amore”

Un acquisto simbolico di 2 euro per aiutare persone e animali in difficoltà, un gesto semplice per far partire la catena della solidarietà

Tornano le nuove borse di “Alimenta l’Amore”
Glocal news 09 Aprile 2021 ore 12:00

Continua la campagna di Coop Lombardia denominata “Alimenta l’Amore”. Un progetto nato nel 2014 che ha come fulcro la promozione della relazione tra uomini e amici a quattro zampe e fine, invece, la solidarietà. Finora ha firmato la distribuzione di 2 milioni di pasti agli animali bisognosi.

Come funziona la campagna Alimenta l’Amore

Sostenere quest’idea è cosa semplice: basta acquistare una borsa dal costo di 2 euro all’interno di qualsiasi punto vendita Coop Lombardia. Alimenta l’Amore si è avvalsa della collaborazione del disegnatore Bruno Bozzetto e della fotografa e giornalista Silvia Amodio per la realizzazione di operazioni editoriali, sempre con l’obiettivo di supportare attività di beneficenza. Col ricavato della vendita sarà possibile poi aiutare quattro importanti realtà che in ambiti diversi aiutano persone e animali in difficoltà.

Le nuove borse

Le borse di Alimenta l’Amore, oltre a contribuire al miglioramento della vita di persone e animali, sono anche molto belle e amiche dell’ambiente. La conferma arriva da Andrea Pertegato, responsabile della comunicazione di Coop Lombardia, a detta del quale

“gli accessori vengono realizzati con materiali resistenti ed ecosostenibili, con il 70% del prodotto che viene ottenuto dal riciclo di bottiglie in Pet”.

A ritrarre i quattro zampe sulle borse ci ha pensato Silvia Amodio. E non si tratta di animali qualsiasi, ma di due protagonisti diretti delle campagne di Alimenta l’Amore: il cane Rosie e il gatto Simba.

alimenta l'amore coop borse

Le realtà coinvolte

Ci sarà, per esempio, la Fondazione Soleterre, che da molti anni interviene nei paesi più poveri per portare diagnosi e medicine, migliorare le condizioni di vita e di lavoro, favorire la partecipazione sociale e politica. La Fondazione de Marchi, che è invece costituita da un gruppo di medici e genitori che ha sentito l’esigenza di dare un supporto assistenziale e psicologico umano che fosse a misura di bambino. Con l’obiettivo finale della normalizzazione e di una buona qualità della vita.

Ma ci sarà anche il coinvolgimento del progetto Sorriso nel Mondo Onlus, a cui lavora un’associazione internazionale impegnata nel trattamento e nella cura delle malformazioni cranio facciali infantili in Bangladesh e in Repubblica Democratica del Congo. Infine ma non per importanza, Action Project Animal, da anni impegnata in operazioni di salvaguardia del benessere animale, in ambito nazionale e internazionale. Contrasta il fenomeno del randagismo, attraverso campagne di sensibilizzazione e di sterilizzazione, in collaborazione coi medici veterinari.