No al doping, sì alla legalità nello sport

Torna all'articolo

Alessandro Donati, a destra, con Alex Schwazer